Fimmina Tu

Fimmina tu si nu giaiddinu
Nu ciuri russu ciavurusu
Vasu ri vientu ruci ruci
Ca u' rrisu a nu salici scuci

Fimmina tu si na mmarina
Na tremula luci ri lampara
Perla ri sirieno ianca luna
Cunchigghia ca rrapi a nuttata

Fussi nu vientu iatu iatu
Ca mai t'avissi canusciutu
'Nte labbra tua saria assittata
Rintra i to vrazza addummisciuta

Si fussi acqua sciumi o mmari
Fuggissi di ttutti i ccatini
Na manu tua m'avria pigghiatu
Cu 'ttia scapparia 'nta nuttata

Fimmina tu si rr'uoro finu
Ra reggia ru rre chiù ppreziusa
Ri tuttu u munnu si unurata
Chiù biedda re ttutte i reggine

Si fussi fatta r'uoru finu
T'avissi scittu encatenatu
Tu, pietra d'Africa puittata
E mai t'avissi chiù lassato

 

DONNA, TU

Donna, tu sei un giardino
Un fiore rosso profumato
Un bacio di vento così dolce
Che anche dal salice scuci un sorriso

Donna, tu sei la distesa del mare
Una luce tremante di lampara
Perla di rugiada bianca di luna
Conchiglia che schiude la nottata

Anche se fossi un vento veloce
Che ti avesse conosciuto,
Me ne starei sulle labbra tue, seduta
Addormentata tra le tue braccia

Se fossi acqua, fiume o mare
Fuggirei da ogni catena
Afferrerei la tua mano
Per fuggire insieme a te nella notte

Donna tu sei d'oro fino
Più preziosa della reggia di un re
Ammirata da tutto il mondo
Più bella di ogni regina

Se fossi fatta d'oro fino
T'avrei incatenato stretto
Come una pietra preziosa
Mai più ti avrei lasciato
 

Fimmina Tu

Fimmina tu si nu giaiddinu
Nu ciuri russu ciavurusu
Vasu ri vientu ruci ruci
Ca u' rrisu a nu salici scuci

Fimmina tu si na mmarina
Na tremula luci ri lampara
Perla ri sirieno ianca luna
Cunchigghia ca rrapi a nuttata

Fussi nu vientu iatu iatu
Ca mai t'avissi canusciutu
'Nte labbra tua saria assittata
Rintra i to vrazza addummisciuta

Si fussi acqua sciumi o mmari
Fuggissi di ttutti i ccatini
Na manu tua m'avria pigghiatu
Cu 'ttia scapparia 'nta nuttata

Fimmina tu si rr'uoro finu
Ra reggia ru rre chiù ppreziusa
Ri tuttu u munnu si unurata
Chiù biedda re ttutte i reggine

Si fussi fatta r'uoru finu
T'avissi scittu encatenatu
Tu, pietra d'Africa puittata
E mai t'avissi chiù lassato

 

DONNA, TU

Donna, tu sei un giardino
Un fiore rosso profumato
Un bacio di vento così dolce
Che anche dal salice scuci un sorriso

Donna, tu sei la distesa del mare
Una luce tremante di lampara
Perla di rugiada bianca di luna
Conchiglia che schiude la nottata

Anche se fossi un vento veloce
Che ti avesse conosciuto,
Me ne starei sulle labbra tue, seduta
Addormentata tra le tue braccia

Se fossi acqua, fiume o mare
Fuggirei da ogni catena
Afferrerei la tua mano
Per fuggire insieme a te nella notte

Donna tu sei d'oro fino
Più preziosa della reggia di un re
Ammirata da tutto il mondo
Più bella di ogni regina

Se fossi fatta d'oro fino
T'avrei incatenato stretto
Come una pietra preziosa
Mai più ti avrei lasciato
 

Olek naffa

Io grande maga e fattucchiera magia bianca e magia nera aggio sprecato su sta schiera
Io song’ a dea onnipotente disturbata ogni momento dalli guai de chesta ggente
Mo n’incantesimo è bastato lu vegliardo s’è scitato questa nun l’ha contentato
e poi chill’altro smidollato ‘n miezzo a o’ mare s’è purtato pure ll’altro ‘nnamurato

É nu briccone patentato mo l’ha visto sto’ teatro nu furfante matricolato
co’ sto scagnozzo disgraziato co tutti i guaj ca s’è ‘nventato chesta gent’ha rovinato
mo je facemmo sta maggia venga qua vossignoria pace e bene e così sia
se questo velo metto qua come un tempo te fa turnà se te piace de giocà

Olek Naffa sciub sciub Olek Naffa sciub sciub
Olek Naffa relb relb Olek Naffa relb relb
Olek Naffa inox ulreb

Tu pe sta guerra da coglioni ha’ mbrogliato le raggioni soldi fede e religioni
e mo te credi che pe’ tte caccio fuori o piffariè n’è la fiera e mastrandrè
mo vire sta corona qua tu non la può chiù porta bella fine je vo fa fa
hai da notà fino a Bastia cercà tutta a Normandia pe’ riavè la signoria

Olek Naffa sciub sciub Olek Naffa sciub sciub
Olek Naffa relb relb Olek Naffa relb relb
Olek Naffa inox ulreb       

 

Si mmo

Si 'mmo crir a stu' core
Ca ma rice ca tu po' turna'
'U ssaccio ca nunn'è o vero
'N gopp a 'stu scuoglie ca me fa 'uardà
Stu mare amaro
Nu tiempo roce comm all'uocchie tuoje
E mo me s'arrevota
Comm a tempesta rint e ri miei

L'uomm' ca trovo
Ca si cririno ca me ponn' avè
Nun sanno ca si me pijano
Pijano 'na parte 'e te
E nunn 'o vir
Ca nun sacciu cchiù sta sula
So sulo ca i' songh'io
Sulo quanno song' te

Non nun se po'
Arriva 'n funno a stu core
Amaro come 'o mare
Ca me tiene luntano 'e te
Pijame tutta quanta ora
Mare ca t'o ssi purtato via
E 'n funno nascosta tieni
'A sula cosa viva e' me

 

Tra Cile E Mare

E lucceche ca' luna 'sta paranze
Che nu cile de stelle trapuntäte,
cäle 'i rete assalbe dint'a nuttäte
e voga voga voga, vajie annanze

tra cile e mare
'u iurne cante
che vite amäre
'u navegante

Cu core che me vatte forte 'n pitte,
che nu recorde doce de trestezze,
chi ce po scurdà de si carezze,
de 'ss 'ucchie azzurre e quille che mi ditto


tra cile e mare
'u iurne cante
che vite amäre
'u navegante

E quane 'u maiesträle gonfie 'a vele
Allorre ma revè' forze e speranze,
pecchè me porte 'n terre 'sta paranze,
me vosse dind i vracce de Carmele

Uno spettacolo entusiasmante, esilarante e fantasioso che ha già trovato grande consenso presso ogni tipo di pubblico. Lo spettacolo-musical è ambientato nella cornice giocosa e favolistica di un teatro di pupi siciliani. Il tema dell’incontro-scontro tra civiltà occidentale e orientale viene proposto in una prospettiva originale e ironica che prende spunto dai legami amorosi tra pagani e cristiani presenti nell’epica cavalleresca rinascimentale.

Iscriviti

Scrivi la tua e-mail nel campo qui sotto per essere aggiornato sul nostro spettacolo

Casella mail iscriviti